Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • de domenico

      de domenico 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:
    • Navy60

      Navy60 0

      Capo di 1a Classe - S*
      Joined:
      Last active:

antonio

Comune di 1a classe
  • Content Count

    123
  • Joined

  • Last visited

Posts posted by antonio


  1. In effetti, come scrive marco, è probabile che per lo stato di degrado sia davvero difficile poterla spostare. Ho provato varie volte ad informarmi sul peso della torretta (spostata l'ultima volta un paio di anni fa) ma il cantiere delle FS che ha effettuato lo spostamento sollevandola con la gru del cantiere è fermo da diversi mesi e nessuno del posto ha saputo darmi una risposta esauriente.

     

    L'atteggiamento dell'amministrazione comunale è sinceramente molto strano. C'è stato, e rimane tutt'ora grande, l'interesse per il carro armato Shermann "Athena", donato alla città di Ortona dall'associazione di veterani canadesi, che ora fa bella mostra al centro della rotonda che porta verso l'autostrada. E' pur vero che il legame di Ortona con i soldati canadesi è storicamente consolidato, perchè che la liberazione di Ortona (28 dicembre 1943) è dovuta proprio ai reparti dell'VIII armata canadese guidati dal Gen. Montgomery, che combatterono casa per casa. La battaglia di Ortona viene ricordata con il triste appellativo di "piccola Stalingrado"

     

    "Il 20 dicembre 1943 le truppe canadesi raggiunsero i confini di Ortona a Mare, ma solo tre giorni dopo il Natale e a seguito di un terribile combattimento, la città fu liberata dai nemici. Fu la prima grande battaglia per le vie di un centro abitato, e da essa imparammo molto" (Winston Churchill).

     

    Detto questo, non si giustifica perchè "dimenticare o ignorare" un altro pezzo di storia.....


  2. Buongiorno Comandanti, scusate il ritardo del mio post ma sono appena rientrato dalle ferie..... :s05:

     

    Ci tengo a ringraziare il Dir e Fabrizio per la piacevolissima serata.......(a proposito....ma la foto al bar???????) in cui, oltre ai famigerati arrosticini, c'è stato il battesimo di "vino e gassosa" (rigorosamente con montepulciano DOC) che il Dir non aveva mai avuto il piacere di degustare :s68: nel "caratteristico" locale (con altrettanto caratteristico gestore) scelto dal C.te "Magico" Fabrizio, che durante il viaggio ha "trascurato" la mia navigatrice, che per ripicca ci buttava ripetutamente su strade senza uscita................... :s20:

     

    Alla prossima :s53:


  3. Vorrei chiarire alcune cose: primo non sono sicuro che vi siano dei superstiti in quanto il sommergibile era in immersione è gli inglesi tiravano bombe di profondità non fiori! secondo per esserci dei superstiti si sarebbero dovuti arrendere tutti, non lo credo,come non credo che su quarantaquttro uomini di equipaggio non ci sia stato nessun ferito mortale.

     

    Proprio perchè gli inglesi non tiravano fiori, l'U450 è emerso a causa dei danni e l'equipaggio ha abbandonato il battello. Anche se ti sembra meno "poetico" (leggi patriottico) di un equipaggio che non si arrende, è andata così.


  4. dal sito www.germandaggers.info/kriegsmarine.htm risulta che nell'affondamento dell' U-450 ci furono sopravvissuti (vedi asterisco)

     

    mentre da "United States Submarine Losses, World War II Naval History Divbion, Office of the Chief of Naval Operations, Washington 1963" non ci sono note che facciano presumere la presenza di sopravvissuti o meno.

     

    dal sito www.naval-history.net risulta che 51 membri dell'equipaggio furono salvati dal HMS Urchin, dopo che l'U-450 fu costretto ad emergere per i danni riportati dalle cariche di profondità.

     

    In base a quest'ultima informazione, i dati del sito www.uboat.net sono corretti

     

    Per il momento non ho altre fonti da consultare................


  5. L'U-450 è affondato a sud di Ostia (41.11N, 12.27E) per le cariche di profondità dei ct inglesi HMS Blankney, HMS Blencathra, HMS Brecon, HMS Exmoor e dal ct americano USS Madison.

    Risulta però che tutti i membri dell'equipaggio siano sopravvissuti, come fa notare il C.te Davide.


  6. ce l'ho, e lo ricordo permeato di una vena polemica non indifferente. e forse non aveva neanche tutti i torti.

     

    In effetti il libro è polemico sui fatti che sconvolsero l'Italia con la capitolazione dell'8 settembre. Trizzino, sicuramente mosso da un grande sentimento patriottico, da delle motivazioni che spesso esulano dalle versioni "ufficiali" e critica aspramente la condotta dei personaggi che furono gli attori principali dell'armistizio.

    Il libro è, comunque, molto scorrevole e si legge in poche ore.


  7. Questa è la mia piccola biblioteca........sempre in crescita :s68:

     

    Cento sommergibili non sono tornati - Teucle Meneghini - CEN 1958 - Prima edizione

    Cento sommergibili non sono tornati - Teucle Meneghini - CEN 1980 - Sesta rist. - Seconda Ed.

    Delfini d'acciaio - Marco Mascellani - Edizioni del Girasole 2006 - Seconda edizione

    I corsari degli abissi - Lowell Thomas - Salani 1932 - Prima edizione

    I pionieri degli abissi - Trevor Norton - Piemme 2000 - Prima edizione

    I sommergibili dell'Asse - Ubaldo degli Uberti / Kurt Kiel - La verità 1941 - Prima edizione

    I sommergibili emersero all'alba - Alberto Donato - Baldini & Castoldi 1966 - Seconda edizione

    Il Mistero di Scapa Flow - L'incredibile impresa dell'U-47 - Alexandre Karganoff - Mursia 1972 - Prima edizione

    Il segreto di Cala dell'oro - Emilio Carta - Magenes Editoriale 2007 - Prima edizione

    Il sommergibile Atropo - C.te Giotto Maraghini - Edizioni Ardita 1934 - Prima edizione

    Il sommergibile F7 - Amm. Mario Falangola - Edizioni Ardita 1933 - Prima edizione

    Il sommergibile Malaspina è rientrato a Betasom - Mario Leoni - 2007

    Italia uber alles - Lapo Mazza Fontana - Boroli Editore 2006 - Prima edizione

    La Marina da guerra - Ubaldo degli Uberti - Salani 1940 - Prima edizione

    La mia Decima - da Malta alle Hawaii - Fiorenzo Capriotti - Italia Editrice New - 2002 - Prima edizione

    La Regia Marina in Spagna Patrizio Rapallino - Mursia 2007 - Prima edizione

    La voce dal fondo - Guido Milanesi - Casa editrice Alberto Stock - 1928 - Prima edizione

    L'avventurosa crociera atlantica del smg Barbarigo - Giuseppe Vingiano - Ministero della Marina 1942 - Prima edizione

    L'inferno nei sommergibili - Von Spiegel - Marangoni 1939 - Terza edizione

    L'u-boot scomparso - Geoffrey Jenkins - Longanesi 1967 /

    Missione "Non attaccare" - Mario Rossetto - Vittorelli Edizioni 2002 - Prima edizione

    Oltremare Sud - Juan Salinas / Carlos De Napoli - Tropea 2007 - Prima edizione

    Rapidi ed invisibili - Alessandro Marzo Magno - Il Saggiatore 2007 - Prima edizione

    Salvatore Todaro - Gianni Bianchi - Edizioni Sarasota 2007 - Prima edizione

    Sommergibili in guerra - episodi in Mediterraneo - USMM - Rivista Marittima 1956 - Prima edizione

    Sommergibili italiani in Atlantico - Antonio De Giacomo - L'Arnia 1950 - Prima edizione

    Sopra di noi l'oceano - Antonio Trizzino - Longanesi 1962 - Prima edizione

    Sottomarini alleati della seconda guerra mondiale - K. Poolman - F.lli Melita Editori 1993 - Prima edizione

    Squali e pesciolini - Wolfgang Ott - Garzanti 1960 - Quarta edizione

    Teseo Tesei e gli assaltatori della Regia Marina - Gianni Bianchi - Lockman Italy 2006 - Prima edizione

    U-boot - Il sommergibile - Lothar Gunther Buchheim - Mondadori 1974 - Prima edizione

    U-boote minaccia segreta - David Mason - Tuttostoria - Fuori Commercio

    Un corpo sul fondo - Pietro Spirito - Ugo Guanda Editore 2007 - Prima edizione

    Un sommergibile non è rientrato alla base - Antonio Maronari - Rizzoli 1957 - Undicesima edizione

    Uomini sul fondo - C.E.T. Warren / James Benson - Longanesi 1961 - Seconda edizione

    Uomini sul fondo - Giorgio Giorgerini - Mondadori 1994 - Prima edizione


  8. 24 settembre 1941. Alle 13.00 poco al largo di Ortona (Adriatico) un Smg. nemico colpì con due siluri e successivamente cannoneggiò la cisterna Poseidone senza affondarla.Il piroscafo Sidamo, in riparazione nel porto di Ortona, aprì il fuoco contro il Smg. costringendolo ad immergersi. In seguito fu effettuato il rimorchio in porto del Poseidone.

     

    tratto da: LA LOTTA ANTISOMMERGIBILE edito dall'USMM

     

    C.ti, chiedi il vostro aiuto se sapete darmi informazioni su come risalire al nome del sommergibile nemico autore dell'azione e se ci fu una caccia antisom, dopo l'allarme........

    Vi allego un paio di foto fatte subito dopo la fuga del smg alla cisterna Poseidone

     

    poseidone5uf6.th.jpg

     

    poseidone6hr7.th.jpg

     

    poseidone7yu0.th.jpg


  9. Non conoscevo la versione del C.te Faustoprimo. Certo è che quando ho interpellato, qualche anno fa, alcuni membri del direttivo del circolo di ortona dell'Ass. Marinai d'Italia per avere informazioni sulla falsatorre e sul degradante stato di abbandono, non ho avuto risposte confortanti e non ho notato un interesse al recupero. probabilmente perchè la falsatorre era ritenuta, da loro stessi, di un smg inglese...............


  10. Scusare se intervengo senza aver verificato che ciò che sto per dire sia già stato discusso.

    La falsatorre in questione è stata data in comodato dall MM al comune, oppure quest'ultimo l'ha acquistata da chicchessia?

    Nel secondo caso, anche se la lasciano marcire c'è da farci poco. Ma se facesse riferimento al primo caso, nelle condizioni di comodato da parte della MM, ci saranno senz'altro clausole che specificano la buona tenuta del pezzo, pena la revoca del comodato e la ripresa da parte della forza armata dell'oggetto in questione.

    Quindi in questo caso la CP di conpetenza dovrebbe verificare lo stato della falsatorre e intimare all'amministrazione di quel comune il rispetto delle condizioni di comodato.

     

     

    L'R12 è andato in demolizione verso la fine degli anni '70. Il cantiere Romiti ha donato la falsatorre al Comune che ne aveva ricavato una collocazione (non troppo felice) in zona porto.

    Credo che la MM nn c'entri più niente da anni e che non ci fosse nessun presupposto per un comodato d'uso.


  11. L'autore ricostruisce con imparzialità le gesta che hanno portato fama e gloria all'U-47 e al suo equipaggio, avvalendosi delle testimonianze di alcuni dei marinai dell'U-boot che violò la base inglese, e quelle dei superstiti della Royal Oak.

    Dalle parole dei protagonisti, alla fine del volume, l'autore fà il punto delle possibili "varianti" del risultato dell'attacco, lasciando al lettore la libertà di trarre le proprie conclusioni..........


  12. Anche se il Comune è rimasto piuttosto silente verso gli attacchi fatti dagli articoli di un paio di giornali locali (articoli pubblicati l'anno scorso), nn penso sia disposto a "cedere" un monumento di proprietà, anche se maltenuto e dimenticato.

    Sarebbe una "caduta di stile" peggiore di quella che dimostrano oggi, ovviamente solo agli occhi di quelli che "hanno occhi" per la falsatorre.......

    E cmq fidatevi................vederla tutti i giorni in quelle condizioni fà davvero tristezza!!!!!!!!!!!!!!

    Soprattutto oggi che hanno iniziato i lavori per spostare il tracciato ferroviario..............


  13. Titolo: Sommergibili Italiani nell'Atlantico

    Autore: Antonio de Giacomo

    Casa editrice: L'Arnia

    Anno di edizione: 1950

    Pagine: 184

    Dimensioni(cm): 12x18

    Prezzo originale: Lire 450

    Prezzo di mercato: ?

     

    smgitalianinellatlanticuz5.th.jpg

     

    Non ho ancora avuto la possibilità  di leggerlo, e in attesa di una recensione posto una parte della premessa.

     

    <E' passato oramai tanto tempo da quegli anni incerti e sanguinosi in cui noi marinai italiani ci battemmo contro la più forte coalizione navale che abbia mai solcato i mari del mondo, da far sorgere il dubbio se sia oggi opportuno rievocare quei giorni di lotta, di sacrifici, di rischi, di alterne fortune, di cui fummo allora protagonisti. [...] Ebbi la sorte di prestare servizio, durante quasi tutto il conflitto, su sommergibili operanti in Atlantico, prima come Tenente del P.F.Calvi e poi come Comandante del Torelli. [...] Questa mia breve fatica vuol essere un estremo saluto a quegli scafi che giacciono ora nelle misteriose profondità  dell'Atlantico, ai RR. Sommergibili

    "Faà  di Bruno","Tarantini","Marcello","Nani","Bianchi","Archimede","Baracca","Glauco","Malaspina","Marconi","Calvi"," Ferraris","Morosini","Da Vinci","Tazzoli","Barbarigo".>


  14. Da un articolo di Cristiano D'Adamo (che potete leggere interamente qui)

     

    ho letto che il battello utilizzato per le riprese in superficie è l'R12 (di cui aspettiamo con ansia il restauro della falsatorre).

     

    Fonte:

    www.regiamarina.net


  15. Anzi, per rispetto ai Marinai e se siete d'accordo chiuderei il post in attesa di un effettivo ritrovamento che spero non avvenga mai...

     

    Senza suscitare polemiche (non è mia intenzione), ma chiedere se siamo d'accordo a chiudere il post in attesa di....... mi porta a pensare ad una "chiusura" nel senso stretto del termine, e su questo non sono d'accordo.

     

    Sul discutere in maniera "accademica", fare polemiche o esternazioni di conoscenze superiori, è una scelta (libera) di chi scrive. Essa può essere condivisa o meno, ma va comunque rispettata finchè non offende o limita la libertà degli altri.

     

    Questo pensiero, ovviamente, esprime solo il mio punto di vista.

     

    Antonio

×