Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • de domenico

      de domenico 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Navy60

      Navy60 0

      Capo di 1a Classe - S*
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:

Rostro

Sottocapo
  • Content Count

    369
  • Joined

  • Last visited

About Rostro

Contact Methods

  • Website URL
    http://
  • ICQ
    0

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Taranto - Lodi

Previous Fields

  • Indirizzo Email Pubblico
    mmurroni@gmail.com

Recent Profile Visitors

6,529 profile views
  1. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Primo Longobardo? Il record potrebbe essere quello che per la prima volta fu dato il nome di un sommergibilista ad un battello a lui dedicato
  2. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Giuliano PRINI
  3. Rostro

    Spartaco SCHERGAT - M.O.V.M. - M.B.V.M.

    Nel suo libro "Gli Arditi del Mare" - Edizioni Università di Trieste - 1998 - Ranieri Ponis dedica a Spartaco Schergat un capitolo intitolato "Eroe moderno di antica semplicità". "Dalla leggenda dell'impresa di Alessandria, entrato nella quotidianità di questi spazi, ha svolto dal 1957 al 1979 il proprio ruolo civile nell'ateneo, Spartaco Schergat (12.7.1920 - 24.3.1996), Medaglia d'oro al valor militare. Eroe moderno di antica semplicità. L 'Università di Trieste, 31 ottobre 1997". Questa dedica è incisa sulla targa in marmo che è stata collocata all'esterno dell'edificio del Dipartimento di Economia e Merceologia dell'ateneo triestino. Ponis ricorda Schergat come un uomo buono, generoso e onesto il cui nome - Spartaco - già infondeva forza e sicurezza. A Capodistria lo ricordano tutti. Suo padre Pietro Schergat lavorava in campagna, sul monte San Marco: ma amava il mare. Un giorno, però, decise di abbandonare tutto e scendere nella cittadina per fare il pescatore e la guida palombaro, cioè preparare lo scafandro, infilare e chiudere l'elmo, sistemare i pesi sul corpo di chi si immergeva, controllare l'aria. Seguito, tempo dopo, da Spartaco. Abitavano a Bossedraga, in calle s. Andrea, che porta al piazzale dove è nato Nazario Sauro, anche lui Medaglia d'oro ma a prezzo della vita. Spartaco venne su in quell'ambiente, a contatto con la gente di mare, gente forte e semplice. Nuoto, gare di resistenza, libri di avventure di mare: il suo mondo era questo. Poi il fratello maggiore - un altro Pietro - cominciò anche lui ad immergersi e Spartaco gli fu accanto. Quando fu il momento del servizio di leva, per il fisico lo classificarono nel battaglione San Marco. Il 15 marzo 1940, a nemmeno vent'anni, Schergat veniva richiamato e destinato a Pola, poi alla scuola palombari di La Spezia. In seguito il trasferimento a Marina di Massa, dove completava il corso, poi imbarcato su un rimorchiatore che si chiamava "Capodistria". Fu ammesso al corso sommozzatori di Livorno, un'autentica novità per quei tempi. Molti mollarono, lui tenne duro. Al Serchio qualche mese dopo l'incontro con l'allora tenente Antonio Marceglia, nativo di Pirano. Marceglia lo prese subito a benvolere, perché Spartaco si era rivelato un ragazzo obbediente, attento, sveglio e coraggioso. La prima missione - era il 10 maggio 1941 - lo vide a Gibilterra come riserva. Il marinaio Spartaco Schergat, già medaglia di bronzo, venne mandato il licenza, a Capodistria, dove incontrò amici sul cui berretto spiccavano nomi di corazzate, di caccia, di grosse navi da battaglia. Sul suo, invece, un semplice "Regia Marina". Qualcuno lo accusava di essere un marinaio d'acqua dolce. Ma lui taceva nonostante la fidanzata Elda gli chiedesse in continuazione: "Spartaco, ma che fai veramente? A me lo puoi dire, no?" E lui: "Come, non sai? Io faccio il palombaro. Il palombaro." Poi venne l'impresa di Alessandria, e la prigionia. Spartaco rimpatriò nel settembre 1944. A Taranto ritrovò alcuni incursori, compagni di precedenti missioni. Si iniziava l'addestramento per affondare la corazzata "Cavour" che, colpita a Taranto, nel frattempo era stata recuperata e portata nel cantiere San Marco di Trieste per essere rimessa in sesto. Ma gli alleati decideranno che ormai non ne valeva più la pena. Infine nel marzo 1945 al Comando Marina, assieme ad alcuni altri, il massimo riconoscimento al valor militare. La decorazione gli venne appuntata sul petto dal principe Umberto, Luogotenente del Regno. Giunto però davanti a Durand de La Penne, Umberto di Savoia - evidentemente fidando nello humor britannico - si rivolse all'ammiraglio Morgan (già comandante della "Valiant") dicendogli: "Morgan, questo spetta a lei". L'ammiraglio inglese appuntò così la medaglia d'oro sul petto di chi gli aveva affondato la corazzata nella rada di Alessandria. Al termine del conflitto Schergat torna a Capodistria ma ormai la sua città si trova in un altro mondo, e così ripiega su Trieste. Ha bisogno di lavorare e il rettore dell'Università, Origone, lo accoglie con profonda soddisfazione e gli offre un posto in ufficio. Spartaco lo ringrazia ma gli dice che non può accettare: "sono un palombaro: se ci fosse un posto di custode...". Tutti gli vogliono bene, lo ammirano per il suo comportamento garbato, da vero militare, sinceramente affabile e cordiale verso docenti e studenti. L'unica concessione che riserva al suo glorioso passato è il nastrino azzurro all'occhiello della giacca, segno di riconoscimento della Medaglia d'oro. Per il resto non parla mai dell'impresa compiuta che resta un segreto intimo e personale. Le parole scolpite su quella targa "eroe moderno, di antica semplicità" assumono un significato reale e tangibile. Nel suo libro Ranieri Ponis ricorda che Schergat , in uno dei loro incontri canticchiava l'inno dei "maialisti", la cui ultima strofa fa: "Dormi, sogna - il tuo cielo è in fondo al mar - forse a notte le sirene - veglieranno i palombar". Parole semplici", dice Ponis, "di una ingenuità commovente, che hanno però il potere di risvegliare ricordi che, a differenza delle navi affondate, il mare non può cancellare. Dorme veramente ora, l'amico Spartaco, il sonno eterno, nel mondo degli eroi".
  4. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Esatto! A te la mano
  5. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Grazie Red Questo è il nuovo personaggio. Non dovrebbe essere difficile.
  6. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Aggiusto il tiro: STV Ermanno CARLOTTO, MOVM alla memoria Era un volto noto ma una vaga somiglianza con Tommaso Gulli mi aveva fuorviato
  7. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    E' il CC medaglia d'oro alla memoria Tommaso Gulli , comandante dell'ariete torpediniere "Puglia", prima nave costruita nell'Arsenale di Taranto.
  8. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Esatto. Nato a Genova. Primo comandante dell'Accademia navale di Livorno. A te la mano Massimiliano
  9. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Era nato in Liguria
  10. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Ecco la nuova proposta
  11. https://www.laringhiera.net/ingresso-in-mar-piccolo-il-cavour-ci-prova-domani/
  12. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    E' il C.C. Aldo Lenzi che fu anche comandante del sommergibile Cappellini dopo Todaro
  13. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Proprio lui! A te la mano Danilo
  14. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Senza forse...
  15. Rostro

    Quiz: Indovina Il Personaggio

    Ok Red ti sei avvicinato ma non è propriamente esatto. La foto risale al periodo pre 8 settembre e il nostro non era allora un appartenente alla Decima. Un piccolo aiuto: le mostrine erano di colore rosso
×