Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • de domenico

      de domenico 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:
    • Navy60

      Navy60 0

      Capo di 1a Classe - S*
      Joined:
      Last active:

Navy60

Capo di 1a Classe - S*
  • Content Count

    3,090
  • Joined

  • Last visited

About Navy60

  • Birthday 09/05/1960

Contact Methods

  • ICQ
    0
  • Yahoo
    abruzzese1960@yahoo.it

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Roma
  • Interests
    Storia e Fotoritocco

Previous Fields

  • Indirizzo Skype
    abruzzese1960
  • Indirizzo Email Pubblico
    abruzzese1960@yahoo.it

Recent Profile Visitors

19,602 profile views
  1. Di seguito, vi riporto la presentazione dell'Ing. Lino Mancini (pubblicata sul sito Altomareblu. Sullo stesso sito, è possibile leggere (e forse scaricare... non so) lo stesso manoscritto redatto dallo stesso Comandante Borghese... Personalmente, mi sono solo preoccupato di editare il manoscritto (senza tralasciare nulla) Presentazione del Quadernetto Manoscritto dal Com.te Junio Valerio BORGHESE : “LA DECIMA FLOTTIGLIA MAS” Per comprendere le motivazioni che spinsero il comandate Borghese a scrivere una relazione su un quadernetto, durante la sua prigionia dopo la fine della repubblica del Nord, è necessario partire proprio dalle sue vicissitudini che iniziarono con lo scioglimento della X^ MAS avvenuta a Milano il 26 Aprile del 1945. Sciolta la X^ Mas, il com.te Borghese fu preso in consegna, su richiesta dei servizi segreti americani, dai comandanti partigiani Sandro Faini, vice comandante del Comitato di Liberazione Nazionale Alta Italia, e Corrado Bonfantini, comandante della brigata partigiana “Matteotti”. Questi, con vari cambi di sede, lo tennero nascosto a Milano fino all’ 11 maggio, sottraendolo alla ricerca dei partigiani più scalmanati. Questa operazione, a difesa dell’incolumità di Borghese, fu possibile per gli accordi precedentemente sottoscritti tra i servizi segreti alleati e il C.L.N.A.I. (Comitato di Liberazione Alta Italia). Faini e Bonfantini rappresentarono, sia per la decima che per Borghese, due figure di alta civiltà e umanità nelle nefandezze perpetrate da italiani contro altri italiani nella guerra civile scatenatasi dopo il venticinque aprile. Il com.te Borghese, successivamente, fu trasferito da Milano a Roma a cura del Capitano di Fregata Carlo Resio del S.I.S. (Servizio Informazioni Segrete) Marina e da James Angleton (detto Jimmi), agente dell’ O.S.S. (Office Secret Service): il trasferimento avvenne il19 maggio. Da questo momento il Com.te Borghese, nonostante i processi a cui fu sottoposto e la detenzione comminatagli, rimase, di fatto, sotto la protezione dei servizi segreti statunitensi con i quali aveva già stabilito rapporti prima della fine della guerra. Proprio l’agente Angleton raccontò, in un’intervista rilasciata al giornalista Livio Caputo negli anni settanta, che Borghese era stato contattato dagli alleati già dal febbraio del 1945. A contattarlo fu proprio altro esponente della X^ MAS, il Cap. del Genio Navale Antonio Marceglia, medaglia d’oro al valor militare per l’affondamento della corazzata inglese “Queen Elizabeth” ad Alessandria. Marceglia era rientrato dalla prigionia dopo l’otto settembre come collaborazionista avendo accettato di aderire al regno del sud; era stato catturato ad Alessandria dopo l’azione da lui effettuata. Fu reintegrato nei quadri della Marina del sud e fu destinato nel nuovo reparto assaltatori (Mariassalto) costituito a Taranto. Nel febbraio del 1945 fu inviato al Nord per contattare Borghese, ma, appena passato il fronte nei pressi di Carrara, incappò in un rastrellamento tedesco e fu fatto prigioniero. Ebbe però, su sua richiesta, la possibilità di contattare Borghese che gli fornì una copertura inquadrandolo nella sua unità. Era riuscito, comunque, nella sua missione che consisteva nel contattare Borghese per portargli la richiesta alleata; gli veniva chiesto di collaborare, impedendo così ai tedeschi di attuare il loro piano che prevedeva, durante il loro ritiro dall’Italia del Nord, la distruzione dei porti e delle infrastrutture industriali. Borghese accettò e impedì la distruzione del porto di Genova e di molte fabbriche, tra cui gli stabilimenti FIAT. Il com.te Borghese, con il trasferimento a Roma, iniziò il suo periodo di carcerazione che terminerà il 17 febbraio del 1949 con la conclusione dei processi a cui fu sottoposto. Da prima fu portato nel campo di concentramento di Cinecittà (Maggio – Ottobre 1945), poi nella Casa Penale di Procida (Ottobre 1945- Settembre 1947), nel carcere militare di Forte Boccea (Settembre 1947 - Gennaio 1948) per la fase d’istruttoria processuale e per ultimo nel carcere di Regina Coeli (Gennaio 1948- Febbraio 1949) per i processi. Gli anni trascorsi nelle patrie galere non sono da addebitare agli alleati che, per coinvolgerlo in una collaborazione antirussa o più propriamente anticomunista, gli assicuravano, come già detto, una loro protezione. Le difficoltà gli furono create proprio dagli italiani e più precisamente della Regia Marina che non riconosceva più in lui quel glorioso ufficiale, ancora Capitano di Fregata, decorato, per le sue imprese, di medaglia d’oro al valor militare. A dargli il colpo di grazia fu proprio un suo superiore diretto ai tempi del suo comando sul sommergibile Scirè, l’Ammiraglio di Squadra Raffaele de Courten, Ministro e Capo di Stato Maggiore della Marina, che aveva ufficialmente richiesto che Borghese fosse prelevato a Milano per essere trasferito a Roma e così dar corso a quel procedimento penale che lo stesso ammiraglio aveva avviato nei confronti di Borghese e che era stato ratificato con decreto luogotenenziale del 14 settembre del 1944. Resio ed Angleton, una volta giunti a Roma da Milano, si presentarono alle 23,30 a casa dell’Ammiraglio de Courten per avere disposizioni, Borghese era stato lasciato sotto casa in macchina. L’ammiraglio consigliò, come lui stesso riporta in una sua deposizione, quanto segue: “ …..Consigliai loro la soluzione più opportuna per evitare che il caso fosse posto ad immediate sanzioni,le quali non avrebbero potuto essere di carattere estremamente grave, e per mettere Borghese in condizioni di essere giudicato in tempi di maggiore serenità e obiettività. E così è infatti avvenuto” Di fatto, de Courten disponeva che Borghese fosse arrestato per dar corso ai procedimenti penali che lui stesso aveva richiesto. Proprio per difendersi e per lasciare una traccia autografa di quelle che erano state le sue vere intenzioni nel fare le scelte che fece in quella tragica sera dell’8 settembre 1943, nel periodo di carcerazione trascorso tra Cinecittà e Procida, il com.te Borghese compilò su un quaderno una relazione dal titolo “La X^ Flottiglia MAS”. L’idea di trascrivere una relazione su un quadernetto gli venne il venti maggio del 1945 quando, prigioniero a Cinecittà, ricevette la visita di un capitano Inglese che lo invitò a mettere per scritto il suo interrogatorio non avendo, questi, tempo per interrogarlo. Borghese chiese un quaderno e su questo iniziò a scrivere; il 16 giugno consegnò il suo lavoro, le prime sessantadue pagine dell’attuale quadernetto, chiedendone la restituzione che avvenne qualche decina di giorni dopo. Successivamente, l’8 agosto gli fu sequestrato e definitivamente riconsegnato il 22 ottobre, prima del suo trasferimento nella casa circondariale di Procida. Il quadernetto lo completò durante la detenzione a Procida. Nel 1947, il com.te Borghese, ricondotto a Roma nel carcere militare di Forte Boccea per l’istruttoria dei suoi processi, volle mettere al sicuro questo quadernetto, contenente quello che può essere definito un suo testamento spirituale, consegnandolo, di nascosto, ad una sua ex fidatissima ausiliaria della X MAS che gli aveva fatto visita in carcere. Questo quaderno, nel 1948, l’ausiliaria lo affidò a un sergente della X^ MAS, Antonio PASQUALIS, che aveva conosciuto a La Spezia nell’aprile del 1944 durante un bombardamento. Il Pasqualis era un ragazzo di Laurana (Fiume) che nel luglio 1943, terminato il liceo classico, fu chiamato alla visita di leva e subito arruolato in Marina con l’obbligo di presentarsi a La Spezia il 7 settembre. Come lui stesso scrive in una sua lettera: “Potevo tornare indietro? No. Restai in Marina”. Rimase nella Marina da Guerra della Repubblica Sociale Italiana, X^ MAS, e prestò servizio nel battaglione “Barbarigo”. Sempre dalla sua lettera: “Assolsi il mio servizio militare il 30 aprile 1945, dopo aver accompagnato alle rispettive case, alcune Ausiliarie che abitavano nei pressi di Gorizia”. Nel 1998, il Pasqualis, dopo aver letto degli articoli sulla Rivista Marittima, scrisse all’autore di questi articoli, l’Amm. Alberto SALVADORI, quanto segue: “Ammiraglio, ho letto e riletto con estremo interesse i Suoi lavori “La fine dei due Imperi”e “Dovere e valore” da Lei pubblicati su il Supplemento della Rivista Marittima del giugno 1998. Sono studi incisivi e ben condotti, con competenza ed elevato senso storico, difficile a trovarsi oggigiorno. Vorrei, se mi permette, chiarirle un punto del secondo lavoro e precisamente quando nella Nota N°14(pag.87). Lei afferma di essere sorpreso di come mai alla Famiglia di un “non collaborazionista” in odore di tradimento venisse corrisposto metà dello stipendio del Capo Famiglia. Troverà la risposta al pargrafo13(pag.73) della Memoria del Com.te Borghese, che mi permetto d’inviarLe. (Il Pasqualis invia all’ammiraglio una copia del quaderno in questione- n.d.r.) Sono passati ormai cinquanta anni dal giorno in cui detta memoria (scritta in carcere) mi fu affidata dal ……………..del Servizio Ausiliario della X^ MAS. Quindi mi sento libero di fargliela pervenire…..”… (nome dell’ausiliaria omesso per rispettare il suo desiderio di anonimato –n.d.r.) L’Amm. Salvadori propose alla Rivista Marittima la memoria ricevuta ma non fu pubblicata perché l’allora direttore aveva fatto delle scelte editoriali che non prevedevano che la rivista continuasse nella pubblicazione di diari e memoriali; voleva che la rivista non diventasse una succursale dell’Ufficio Storico continuando in questo tipo di pubblicazioni (dichiarazione rilasciatami dall’Amm. D’Agostino, all’epoca Direttore della Rivista Marittima – n.d.r.). Questa relazione, anche se non è stata mai pubblicata per intero, non è inedita perché alcuni ufficiali della X^ MAS ne erano a conoscenza. Nel 2003, infatti, ne ebbi conferma durante un mio colloquio con Mario Bordogna, “Ufficiale Addetto al Com.te Borghese” e poi Presidente dell’“Associazione Combattenti X^ Flottiglia Mas”. Il Bordogna mi disse che era a conoscenza del quaderno e che costituiva uno dei documenti di riferimento del suo libro “Junio Valerio Borghese e la X^ Flottiglia Mas – Settembre 1943 Aprile 1945”; due pagine del quadernetto, riprodotte, sono state inserite nel libro. Anche Sergio Nesi, Ufficiale dei Mezzi D’assalto di Superficie della Marina del Nord, nel suo libro “Decima Flottiglia Nostra”, cita questo quadernetto riportandone dei passi. Sempre Bordogna mi disse che questo quadernetto fu fatto circolare negli anni settanta. Probabilmente il Pasqualis non voleva che questa memoria andasse perduta e aveva fatto in modo che responsabili dell’“Associazione Combattenti della X^ Flottiglia MAS” ne venissero a conoscenza. Ma questa è solo una mia supposizione in relazione al fatto che, da quanto risulta dalla lettera prima citata, sembrerebbe che il Pasqualis fosse l’unico custode del quaderno. Copia di questo quaderno, indirettamente, l’ho ricevuta anch’io dal Pasqualis. Infatti, un giorno, un mio collega, ex ufficiale di Marina come me, sapendomi interessato a questi argomenti, me ne donò una copia. A sua volta lo aveva ricevuto, sempre in copia, dal Pasqualis, cugino di sua moglie. Il Pasqualis forse pensava che il marito di sua cugina, per i suoi trascorsi in Marina, avrebbe potuto adoperarsi per una pubblicazione qualificata di questo quaderno esaudendo la volontà a suo tempo espressa dall’ausiliaria che intendeva, comunque, rispettare una consegna ricevuta dal suo comandante; Junio Valerio Borghese, quando le consegnò il quaderno, le chiese di non pubblicarlo prima di cinquanta anni dalla fine della guerra. Personalmente, mi sarebbe piaciuto che Borghese fosse uscito di scena alla fine dei suoi processi, cioè ne 1949, e che quei giudici militari che lo condannarono lo assolvessero, che potesse essere riabilitato nel suo grado ed essere, quindi, ricordato come soldato e come eroe. Così non fu, il tribunale lo condannò a dodici anni di reclusione con l’interdizione dai pubblici uffici; nove anni gli furono condonati tenendo conto dell’amnistia di Togliatti, del suo glorioso passato militare e della collaborazione da lui fornita agli alleati. Naturalmente già così, come documenta Mario Bordogna, riportando nel suo libro prima citato una recensione della stampa dell’epoca, la reazione della stampa comunista fu violenta ritenendo la condanna mite se rapportata alla sicura condanna a morte che i tribunali partigiani gli avrebbero comminato se fossero riusciti a catturarlo. A nulla valsero i suoi ricorsi contro la sua sentenza sia in Appello che in Cassazione, il 10 settembre del 1950 quest’ultima Suprema Corte la rese definitiva. Borghese continuò a combattere per la sua riabilitazione che alla fine gli fu concessa, prima dalla Corte di Appello di Roma nel 1958 e poi nel 1959 dal Tribunale Supremo Militare. Indefinita resta, come lui stesso dichiarò in un’intervista rilasciata al giornalista Giampaolo Pansa nel dicembre 1970, due giorni prima del presunto” Golpe”, la sua posizione nei quadri della Marina Militare. “Per essere esatto, sono stato cancellato dai ruoli degli ufficiali con un provvedimento del luogotenente nel 1944…….Da allora non si è mai più bene saputo che cosa sono. Quando la Marina si rivolge a me ufficialmente mi chiama “Comandante”, ma credo che sia abusivo questo titolo dal punto di vista strettamente legale”. Tuttavia al com.te Borghese fu riconosciuta una pensione per il grado di Capitano di Fregata, ridotta come previsto da una legge speciale per chi ha subito condanne. Ma, come lui stesso dice, sempre nell’intervista, “..Non è stato ricostituito il mio status giuridico.” Le sua attività post 1949 (Presidenza Onoraria del Movimento Sociale Italiano (1952-1954), fondazione del “Comitato Tricolore Nazionale” (1964), fondazione del “Fronte Nazionale” (1968), il presunto golpe del 1970) lo fecero apparire, ingiustamente, come un estremista nostalgico. La pubblicazione di questo quadernetto permetterà, a chi lo leggerà, di comprendere perché un valoroso Ufficiale di Marina l’8 settembre del 1943 si trovò costretto a fare una scelta dolorosa che come tale andrebbe giudicata e, alla pari delle scelte opposte fatte da altri, ricordata. Fonte: Lino Mancini
  2. Navy60

    Per intimo gaudio

    Mi scuso per il considerevole ritardo... Auguri vivissimi a tutti i neo promossi... Brindo alla vostra/nostra salute... P.S. avevo pensato ad un altro motivo... spero per te Amico... che a breve possa riaprire le cantine
  3. Navy60

    Piano piano si rivede luce

    E' per me un piacere leggerti Alessandro...
  4. Navy60

    Auguri a RED

    Scusa per il ritardo RED Ti faccio i miei migliori auguri per il tuo genetliaco 100 di questi giorni Amico. Navy Family
  5. Navy60

    Auguri a ISCANDAR (57)

    Chiedo scusa all'Amico per il notevole ritardo… Tanti carissimi Auguri di Buon Compleanno al nostro Iscandar...
  6. Navy60

    1° RADUNO On-line BETASOM

    Grande LazerOne! Ci sarò
  7. Mi dispiace Danilo, non ne so nulla… Grazie per i tuoi scritti…
  8. Interessante Danilo, non sapevo delle tue pubblicazioni sul BdA… cercherò di procurarmi il digitale… Volevo anche dire: Secondo me, vista l'incredibile storia sia dell'incr. che del Gruppo… sarebbe bello inserire anche qui (magari in un post ad hoc) tutta la storia…
  9. Per l'Amalfi è secondo la (Cronistoria documentata della guerra italo-austriaca) « U. B. 26 » (GERMANICO « U.B. 14 ») di seguito i fatti: ...... Con l'arrivo della Divisione Cagni, essendo anche le forze navali leggere considerevolmente aumentate, il servizio di crociera sulle coste nemiche venne intensificato, sia come affermazione del nostro potere navale nell'alto Adriatico, sia allo scopo di sorprendere le siluranti nemiche con gruppi di nostri cacciatorpediniere più numerosi, i quali, a loro volta, potessero appoggiarsi ad una forte e veloce unità. Perciò nella sera e nella notte dal 6 al 7 luglio uscivano le due squadriglie di c.t. Carabiniere ed Indomito in esplorazione avanzata verso l'Istria con l'ordine di congiungersi alle ore 4,30 del mattino con l'Amalfi, che sarebbe uscita nella notte. Alle ore 2 antimeridiane del'7 luglio l'Amalfi, scortata dalle due torpediniere d'alto mare Calipso e Procione, usciva da Malamocco ed in franchia degli sbarramenti, alle ore 3,24 dirigeva a 17 mg. di velocità con rotta vera 77° per il punto di riunione. Alle ore 4,10 antimeridiane, in latitudine 45° 12' Nord ed in longitudine 12° 53' 5" E. G. veniva colpita da un siluro, al centro a sinistra. Dopo sei minuti si capovolgeva e dopo 10 minuti si inabissava. Dell'equipaggio perirono 72 persone fra cui un Ufficiale, mentre, i salvati furono 682 raccolti dalle due torpediniere A. M. e dai c.t. in crociera prontamente accorsi (1). Le perdite furono relativamente lievi per la mirabile prova di disciplina data dall'equipaggio. I superstiti dell'Amalfi accasermati a Venezia vennero raggruppati su due compagnie e subito inviati con le relative artiglierie da sbarco a prestare servizio al fronte terrestre, alla estrema ala destra, della III Armata, costituendo così il valoroso nucleo Amalfi al comando del 1° Tenente di Vascello Savino Meninni. In altro fascicolo verrà più diffusamente trattato di questo argomento. Per quanto riguarda il fronte terrestre, conviene riportare il promemoria che il Contrammiraglio Cagni il 10 luglio 1915 inviava a S. E. il Capo di Stato Maggiore della Marina, in cui era detto: La perdita dell'Amalfi e le condizioni di tempo e di luogo nelle quali avvenne l'affondamento, fanno sorgere la convinzione che nel golfo di Venezia il nemico eserciti vero e proprio blocco di sottomarini. «Ed invero questa convinzione è avvalorata dalle notizie dello Stato Maggiore al riguardo e da quelle locali pervenute a questo Comando e spedite stamane all'E. V. Da questo insieme di informazioni risulta evidente la potente organizzazione subacquea che si svolge con centro a Pola. Ciò posto, appare evidente la necessità di svolgere una offensiva con unità sottili e veloci ed una controffensiva subacquea mobile e fissa. La controffensiva subacquea fissa conviene sia fatta: 1) Con torpedini «Bollo» ed «Elia» lanciate dai c.t. tipo Soldato convenientemente appoggiati e sostenuti da c. t. tipo Indomito. 2) Dalle siluranti costiere con l'uso delle reti esplosive. La controffensiva subacquea mobile non può essere fatta che dai sottomarini. L'offensiva poi dovrebbe essere fatta dai maggiori c. t. aggruppati in forza, in modo da poter affrontare una nave tipo Spaun. Questo lavoro poi potrebbe riuscire intrecciato ed armonico e, quasi sempre, svolgersi di notte, salvo la parte nettamente offensiva da tentarsi generalmente nelle prime ore del mattino. Nota (1) In appendice a questo fascicolo abbiamo creduto opportuno riportare qualche documento nostro ed austriaco riguardante il siluramento dell'Amalfi. La questione assume speciale importanza pel fatto che il sottomarino era Germanico e poiché la Germania non era, ancora in stato di guerra con l'Italia, ciò costituisce una prova di più dei mezzi sleali usati dalla Germania. La dichiarazione di guerra dell'Italia alla Germania avvenne oltre un anno dopo, e cioè il 27 Agosto 1916.
  10. Navy60

    Possis nihil urbe Roma visere maius

    2773 anni... dire cento di questi giorni mi sembra riduttivo....
  11. Navy60

    Segnalazione sito : relitti 3d

    Per un lavororo precedente a quello attuale, ho realizzato immagini 3D... Non erano immagini con i dettagli che servono per realizzare quello che dici... secondo me è possibile... ma credo serva un pc mostruoso, che permetta un renderig incredibile... per non parlare del tempo di realizzazione e delle foto 2D che devono essere molto buone e dettagliate. Ci tengo a dire che la foto della prua, non è stata alterata in nessun modo... nel senso che alla profondità di 1.198 mt, data la profondità, i colori non sono stati alterati dal giorno dell'affondamento.
  12. Navy60

    Segnalazione sito : relitti 3d

    Non conoscevo questo sito... gli ho dato una guardata a volo d'uccello... Non mi riferisco a questo foto o alla mappa che mi invio l'Ing, Gay tempo fa... L'immagine che devo trovare, come ha detto Darth, è una immagine 2D del canalone dove "riposa" il Roma. proprio perchè ho dato una guradata velocice (ho il pc che è troppo impegnato in questo momento con programmi di adobe), non mi è sembrato ci sia la foto dell'unica foto che ho usato (a memoria) er farne un wallpaper; l'ho chiamato "Quota 1198"... poi lo inserisco.
  13. Perchè sono invidioso di voi? Benevolmente eh... Il libro l'ho finito da un pezzo... ora te lo spedisco per jumbomail...
  14. Vero Totiano, Appartenente alla X^ FLOTTMAS... un Patriota come pochi.
  15. Negli ultimi 20 anni circa, come noto a molti Amici della Base, il mio hobby principale è stato quello di re-editare vecchi libri… Circa 6 anni fa (forse anche di più), uno degli Amici (Lino Mancini), mi ha chiesto di scansionare e editare il Diario di Fiorenzo Capriotti che, la maggior parte di noi conosce ma solo per sentito dire… Vero, è passato molto tempo da allora, ma credevo di aver perso il materiale quando ho perso il vecchio PC… per fortuna, circa un mese fa, ho ritrovato il materiale relativo a questo Diario e così, sono riuscito a mantenere la mia promessa di allora… La richiesta, come potete immaginare mi ha entusiasmato. Quello che ha fatto leva su di me, non è solo l’aspetto prettamente “hobbistico”; quello che realmente mi ha stuzzicato, è il fatto, che da qualunque parte, si tende a pensare ed associare soprattutto, il fascismo al nazismo. Quello di cui parlo, è solo un piccolo “gesto” (una goccia nel mare immenso), il gesto di un fascista, appartenente alla Xa Flottiglia MAS che, nell’immediato dopoguerra, ha aiutato il nascente stato di Israele ha formare alcuni reparti della sua Marina. Cliccando sul link sottostante, si entra direttamente nella pagina del sito Alto Mare Blu relativa al Diario. Alla Base non è del tutto sconosciuto, in passato, sono stati trattati argomenti storici che sono pubblicati… Buona lettura https://www.altomareblu.com/diario-di-un-fascista-alla-corte-di-gerusalemme-fiorenzo-capriotti/
×