Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • de domenico

      de domenico 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:
    • Navy60

      Navy60 0

      Capo di 1a Classe - S*
      Joined:
      Last active:

Reinhard Hardegen

Comune di 1a classe
  • Content Count

    139
  • Joined

  • Last visited

About Reinhard Hardegen

  • Birthday 05/25/1975

Contact Methods

  • Website URL
    http://
  • ICQ
    0

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Location
    Capua
  • Interests
    Storia militare, Fantascienza, Modellismo, Basket.

Previous Fields

  • Indirizzo Email Pubblico
    spalazzo75@alice.it
  1. Opere generali sulla Marina Imperiale Giapponesi ve ne sono diverse, anche se non tantissime. In lingua italiana vi è un volume pubblicato da Longanesi negli anni Sessanta e scritto non molti anni dopo la fine della guerra da Masanori Ito, un giornalista navale nipponico. Il titolo italiano è "La Marina Imperiale Giapponese", è un'opera molto significativa in quanto riporta, tra l'altro, una esclusiva intervista con l'ammiraglio Kurita che guidò la flotta giapponese a Leyte. Te lo consiglio vivamente anche se datato, e credo che si possa reperire sul mercato antiquario abbastanza facilmente. Meriterebbe la ripubblicazione, ad opera però di un serio editore visti gli scempi degli ultimi tempi. Appena posso vorrei postare una recensione in merito. In lingua inglese ti consiglio: Battle History of the Imperial Japanese Navy, 1941-45 di Paul Dull che è un'opera generalista su un unico volume. Se vuoi approfondire, e di molto, l'argomento credo che sia utile per l'enorme mole di informazioni, la Storia Ufficiale della US Navy nella WWII di Samuel Eliot Morison, che dedica ben 9 dei 15 volumi alla guerra nel Pacifico. E' un'opera un pò datata, ma imprescindibile per approfondire ogni singolo scontro. E' reperibile agevolmente perchè continuamente ristampata. Accanto a queste opere generaliste vi è poi una sterminata letteratura su singole campagne e battaglie....
  2. Reinhard Hardegen

    Fango E Gloria

    Salve a tutti....e scusate la mia lunga assenza dalla base. Vi posto un link interessante.... http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2014/05/12/news/fango_e_gloria_la_grande_guerra_al_cinema_con_l_archivio_luce-85684573/?ref=HREC1-18 Mi auguro che sia veramente una produzione degna degli eventi che si propone di narrare...
  3. Reinhard Hardegen

    Giorni Di Guerra - Diario 1939-1944 Di Vincenzo Cozzani

    Ho appena finito di leggerelo. A parte le giuste osservazioni di GM Andrea, mi ha lasciato un pò perplesso la descrizione della Seconda Sirte. L'autore afferma di aver partecipato allo scontro occupando il ruolo di addetto alla ricetrasmittente ad onde ultracorte del Bande Nere. Durante la battaglia Cozzani scrive di aver comunicato in chiaro ripetutamente con la Vittorio Veneto! Questa affermazione a mio avviso o è un errore, francamente poco giustificabile in un diario composto nel 1948, o forse testimonianza del fatto che il Littorio comunicava in chiaro fornendo un falso nominativo, per ingannare i britannici facendo credere la nemico che entrambe le corazzate italiane erano in piena efficienza. Se non vado errato il Veneto stava ultimando le riparazioni a valle del siluro incassato poco prima della Prima Sirte. Un altro aspetto che mi ha lasciato l'amaro in bocca è stata la descrizione del combattimento di Capo Spada, confinata al rapporto scritto dal Comandante Maugeri. Forse l'autore non era imbarcato sull'incrociatore all'epoca dello scontro?
  4. Reinhard Hardegen

    -35B Update

    Cari Comandanti, un interessante aggiornamento sull'argomento: http://www.repubblica.it/esteri/2014/01/30/news/f35_pentagono-77256565/
  5. Reinhard Hardegen

    Nome In Codice Proto

    Un saluto a tutti i Comandanti, riapprodo a Betasom dopo una lunga navigazione in mari lontani.....e ne approfitto per postare il seguente link che credo possa essere di interesse: http://daily.wired.it/news/cultura/2013/09/18/nome-codice-proto-base-fantasma-nato-caserta-564732.html aspetto i vostri commenti!
  6. Reinhard Hardegen

    Portsmouth, Royal Naval Base

    Splendide foto, anche io sono stato da quelle parti qualche anno fà e non ho potuto fare a meno di visitare Portsmouth. Ricordo di aver passato una piacevole mattinata con in un negozio di antiquariato specializzato in libri ed oggettistica navale e di aver chiacchierato a lungo con il proprietario, una vera e propria autorià in materia...Una cosa che mi sono sempre rimproverato è di non aver visitato il museo dei sommergibili a Gosport e quello della Fleet Air Arm a Yeovilton, ma la Cornovaglia, il Devon e l'Hampshire hanno tante di quelle attrazioni che è inevitabile perdersi qualcosa....ma spero di ritornare da quelle parti as soon as possible... Un unico appunto, la portaerei che hai fotografato, che era presente anche quando visitai io Portsmouth, non è la HMS Prince of Wales (che è ancora in cantiere ed entrarà in servizio solo verso il 2018), ma è l'HMS Illustrious, un nome che ha lasciato una bruciante ferita nella storia navale italiana.....
  7. Reinhard Hardegen

    F 35: L'opinione Del Gen. Fabio Mini

    La mia perplessità era relativa a voler installare il Vulcano direttamente sulla nave più importante della flotta, francamente un sistema così innovativo lo metterei a punto prima su una unità minore, come una fregata o al limite un caccia. Successivamente si potrebbe passare a realizzare una nuova generazione di unità navali costruite intorno al Vulcano. Inoltre l'utilizzo di Vulcano, a mio avvisio, è imprescindibile dalla componente aerea (UAV e manned) per assicurare la superiorità aerea sul cielo della flotta e garantire una certa sopravvivenza agli UAV sul cielo nemico...quindi in prospettiva vedrei portaerei (di quì la necessità di preservare il Cavour come CV) e "gunners" integrati insieme..... Per quanto riguarda l'incremento del calibro è decisamente un'ipotesi suggestiva, ma secondo me ancora al di là delle attuali possibilità....spero vivamente che Vulcano vada avanti e venga industrializzato quanto prima....
  8. Reinhard Hardegen

    F 35: L'opinione Del Gen. Fabio Mini

    @Piergiorgio....devo dire che la riprogettazione di Nave Cavour come incrociatore da battaglia è un'idea molto suggestiva...il sistema Vulcano è decisamente interessante e credo che quel tipo di munizionamento guidato sia il futuro.... Tuttavia il calibro di 127 mm per una gittata di 120 km, mi sembra più appropriato per una fregata...non sarebbe uno spreco impiegare un'unità come il Cavour per realizzare una nave sperimentale di questo tipo? Inoltre per entrare in concorrenza con gli aeroplani servirebbe almeno una gittata tripla di quella prevista....
  9. Reinhard Hardegen

    U.s. Naval Technical Mission To Japan

    Cari comandanti, voglio segnalarvi il seguente sito: http://www.fischer-tropsch.org/ nella sezione Government Reports è presente uno approfondito archivio contente soprattutto buona parte della documentazione tecnica della commisione dell'US Navy che operò in Giappone subito dopo la fine della WWII. I documenti visionabili e scaricabili sono molto numerosi e forniscono un'approfondita analisi della Marina Imperiale. Unità navali, sistemi d'arma, condotta del tiro, analisi tecnica dell'affondamento delle principali unità nipponiche e tanto altro ancora è passato in rassegna in maniera molto scrupolosa. Credo che sia un autentico tesoro per gli appassionati.
  10. Reinhard Hardegen

    Rientro A Bordo Dopo Lunga Franchigia.

    Sentite condoglianze a te ed alla Tua Famigiia. Un abbraccio Salvatore
  11. Reinhard Hardegen

    Le Grandi Battaglie Del Risorgimento

    Un buon libro, che ho finito di leggere un paio di mesi fà. Il punto di vista dell'autore è onesto ed equilibrato su diversi episodi alquanto controversi e dibattuti negli ultimi anni, ad esempio quello dello sgretolamento dell'esercito borbonico. L'autore, per sua scelta, non affronta il brigantaggio. Argomento che richiederebbe probabilmente, a mio avviso, un volume a parte. L'opera comunque non insidia (e non credo che l'autore aspirasse a ciò) il primato in materia di storia militare del risorgimento, detenuto dall'opera di Piero Pieri scritta negli anni Sessanta.
  12. Reinhard Hardegen

    F 35: L'opinione Del Gen. Fabio Mini

    In ogni caso sono del parere che dovremo acquistare comunque l'F-35, per evidenti esigenze operative che non possono essere soddisfatte in altro modo (Cavour in primis). Su questo credo che anche il Gen. Mini non abbia dubbi. Tuttavia il tagliente articolo del generale evidenzia un problema gravissimo, che sfugge alla maggior parte dei commentatori attirati prevalentemente dalla polemica che si innesca inevitabilmente in questi frangenti, soprattutto elettorali, tra "pacifisti" e "guerrafondai". Il problema è quello del concepimento e della gestione di progetti di sistemi ad alto contenuto tecnologico per il settore della difesa. Se guardiamo il costo unitario di un F-35B, ad oggi con velivolo ancora ben lungi dall'essere minimamente operativo e senza sapere quali saranno i costi necessari per rendere combat ready i velivoli e per mantrenerli allo stato dell'arte (tenendo conto anche della temibile concorrenza russa e cinese), siamo intorno ai 240 milioni di dollari. Una cifra assolutamente fuori dalla realtà, praticamente pazzesca che denota di fatto già da ora il fallimento del progetto. Qualunque paese vorrà mettersi in casa questi velivoli (e non saranno molti) dovrà stanziare ingenti finanziamenti, che porteranno evidenti squilibri sui loro bilanci della difesa. Il problema evidenziato giustamente dal generale è che il progetto F-35 è divenuto un modo per mantenere in piedi una gran parte del settore dell'industria aerospaziale militare e dei settori tecnologici affini (avionica, comunicazioni, etc), sostenendo tutte le lobby ad esso collegate. La cosa più grave a mio avviso e che tale vicolo cieco poteva essere previsto e, almeno in parte evitato dagli americani, a seguito del poco riuscito F-22 che ha assorbito enormi risorse a fronte di risultati di gran lunga inferiori alle aspettative. Invece si è voluti proseguire sulla stessa strada, realizzando un ulteriore stealth, che difatti è un grosso contenitore di tecnologie, spesso immature per un efficiente impego in ambito aeronautico, e militare. Questa filosofia è stata anche favorita dalla mancaza di ben precise esigenze operative dopo la caduta del Muro, che citava il generale e che ha reso molto problematica la definizione di precise specifiche tecniche del cacciabombardiere. Il rischio quindi è che alla fine potremmo trovarci in casa, e su questo voglio citare l'ammiraglio Da Zara, un sistema che dopo enormi investimenti che dissangueranno le nostre non ricchissime casse, sarà anche efficiente tecnologicamente, ma avrà una efficienza bellica tutta ancora da dimostrare. Quindi credo che dalla vicenda dell'F-35 si debbano trarre utili insegnamenti per il futuro, andando già da ora oltre l'F-35. Credo innanzitutto che l'industria della difesa debba essere tutelata e salvaguardata, ma in maniera più oculata tornando a bandire concorsi NATO per la realizzazione di sistemi complessi, che debbano essere poi realizzati dall'industria europea ed americana in sinergia e collaborazione tra loro, e non in competizione. Se si vuole sostenere un settore strategico non si possono seguire pedissequamente le regole del libero mercato. Non è concepibile più avviare programmi come quello dell'F-35 dove i partner (inglesi a parte, forse) vengono utilizzati solo per contribuire finanziariamente al progetto. In questa ottica i 10000 posti di lavoro che taluni strombazzano (ma in realtà saranno meno) costeranno al contribuente italiano una cifra sproporzionata al reale ritorno sociale. Il trattamento riservatoci poi non è certo stato dei migliori, visto che ad oggi non è stato permesso a nessun pilota italiano di avvicinarsi al Lighting II, cosa gravissima durante la fase iniziale di sviluppo dell'aereo in quanto fornisce uno dei più importanti feedback sullo stato e la bontà della macchina (e dell'investimento), e che denota il nostro reale peso nell'ambito del progetto. Quindi personalmente sono dell'idea che si debba ridurre ulteriormente il numero di aerei da acquistare.
  13. Reinhard Hardegen

    F 35: L'opinione Del Gen. Fabio Mini

    Cari Comandanti, vi volevo segnalare il seguente articolo del generale Mini su Repubblica: http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/2013/01/22/quellinutile-tributo-alla-lobby-delle-armi.html?ref=search Personalmente sono d'accordo, nella sostanza, con il generale.
  14. Reinhard Hardegen

    Cominciata La Mia Battaglia

    Caro Giorgio, è ammirevole lo spirito con cui affronti il nemico, degno dell'insegna della Marina Imperiale. Ti sono vicino, anche se non ti conosco di persona, perchè ho esperienza indiretta di questo genere di prove. Engage the enemy more closely! Ti abbraccio, Salvatore
  15. Reinhard Hardegen

    Il Rinnovamento Della Flotta Rossa

    Interessante articolo dott., condivisibile l'analisi dell'attuale situazione con US Navy in "contrazione", e marine russa, cinese ed indiana in crescita. E' parimenti significativo il fatto che russi e cinesi stiano investendo soprattutto sulle forze navali, tradizionale strumento di proiezione di forza, a discapito di esercito e di aeronautica.
×