Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • de domenico

      de domenico 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:
    • Navy60

      Navy60 0

      Capo di 1a Classe - S*
      Joined:
      Last active:

LinceLC

Comune di 1a classe - S *
  • Content Count

    127
  • Joined

  • Last visited

About LinceLC

  • Birthday 05/09/1995

Profile Information

  • Gender
    Male
  • Interests
    Storia militare

Recent Profile Visitors

3,872 profile views
  1. LinceLC

    Frasi E Motti Scritti Su Sommergibili

    Sommergibile: Atropo Foto che non c'entra molto con l'argomento dei motti e dei disegni ma è lo stesso molto suggestiva. "Probabilmente il sommergibile 'Atropo', classe Foca, un sommergibile posamine di 1.109 tonnellate che aveva appena consegnato 60 tonnellate di prezioso carburante per le forze di Rommel a Bardia." (Fonte: Australian War Memorial) In primo piano il Generalleutnant (Tenente Generale) Erwin Rommel e sullo sfondo il sommergibile Atropo nella baia di Bardiyah, Libia. Foto ricolorata da R. Candeias. La foto risale al 17 Ottobre 1941 quando l'Atropo effettuò la missione di consegna del carburante a Bardiyah.
  2. LinceLC

    Frasi E Motti Scritti Su Sommergibili

    Disegno del sommergibile Bianchi (Betasom Bob Napp)
  3. Giustissimo danilo43, ma almeno rientrano in Patria!
  4. LinceLC

    La Mia Guerra Sul Fondo Del Mare

    Grazie a voi! Non mi ero accorto del "missile", lo cambio subito. Avevo effettuato altre correzioni del genere: nell'articolo originale c'era scritto sottomarino e non sommergibile.
  5. Volevo proporre alla base un racconto estrapolato da un’intervista che rilasciò un mio parente, sommergibilista durante la seconda guerra mondiale. Buona lettura. “ … «Avevo 20 anni quando dal mio paese d’origine mi destinarono all’imbarco sul torpediniere La Lince. Poi un giorno vennero a chiedere dei volontari per i sommergibili. Qualcuno si fece avanti, gli altri li scelsero. La paga era tripla rispetto agli altri ma io non volevo andare, già avevo paura sopra il mare. Sotto era peggio». Lo spedirono a La Spezia a fare il corso «Avevano bisogno di uomini e quindi fu una scuola molto rapida. Ci spiegarono qualche tecnica di emersione in apnea, solo che le esercitazioni le facevamo a 4 o 5 metri di profondità. E invece se finivi sotto con il sommergibile come minimo eri a trenta metri. Se restavi bloccato sotto i 50 metri era finita, non avevi possibilità di salvarti. La paura era proprio quella di fare la fine del topo – racconta il sommergibilista-. Durante la guerra il nostro lavoro era di fare la scorta ai convogli di navi fra l’Italia e il nord Africa, restavamo sott’acqua tutto il giorno e la notte riemergevamo per riempire le riserve di ossigeno e captare via radio gli ordini del ministro della Difesa. Ma una volta, al largo della Grecia ci bersagliarono con le bombe di profondità. Sono andati avanti per ore, a intervalli. Noi ce ne stavamo a 150 metri di profondità». Ogni tanto il sommergibile si scuoteva mentre si susseguivano i botti attutiti dall’abbraccio del mare: «Dentro aspettavamo che finisse, avevamo un’autonomia di 20 ore per l’aria. Ma si poteva tirare fino a 24. Quando le scorte di ossigeno cominciarono a scarseggiare il capitano ordinò di stendersi a terra e di non muoversi, in questo modo si consumava meno aria. Nessuno parlava. Tutti sudavano, perché quando manca l’aria sudi di più. Abbassarono le luci. Tutto fermo. In superficie c’erano gli inglesi. Durante il corso a La Spezia ci avevano insegnato che come via di fuga si potevano usare le camere dei siluri. Si toglieva il siluro, entrava la persona, si chiudeva il portello interno e si apriva quello verso l’esterno e da lì dovevi risalire da solo, in apnea. Ma eravamo a 150 metri». La pressione era così forte che le lamiere del sommergibile si piegavano come se fossero state prese a pugni dalla massa d’acqua, qualche bullone saltava, mentre le onde d’urto della bombe scuotevano il mare, Nessuno fiatava: sessanta uomini muti come pesci e fermi come statue di sale. «Pensavamo di morire - racconta Tirelli – alla fine il capitano decise: armò il bengala con i colori della resa e ordinò la risalita». Ma sopra trovarono solo il mare. Le corvette Inglesi erano rientrate, la via era sgombra. Si tornava a casa. «Ogni tanto però qualcuno non ce la faceva – dice il vecchio marinaio di pianura -. Ci conoscevamo tutti e durante i turni di riposo in terraferma a volte arrivava la notizia dell’affondamento di un sommergibile con l’intero equipaggio. Allora il cappellano organizzava la Messa funebre e poi non si sapeva più nulla. Neppure sui giornali si leggeva di questi morti. E noi stavamo li, pensando che magari un’altra volta sarebbe stato il nostro turno. Era un’angoscia per quelli persi in fondo al mare e per noi che restavamo e che ci saremmo di nuovo imbarcati». Nonostante la guerra e il cambiamento di fronte dell’8 settembre (quando il suo sommergibile venne portato in rada alla Maddalena e controllato a vista dai tedeschi), Tirelli sfuggi all’abbraccio del mare. Anni dopo, di notte, ogni tanto si sognava ancora il bombardamento nel sommergibile. Si svegliava di botto nel letto e la moglie chiedeva «Che hai?». Lui scuoteva la testa e rispondeva: «Che ho, che ho. Niente». Era solo un incubo che riemergeva dagli abissi della memoria. Articolo di Fabio Bonaccorso” Purtroppo il sommergibile sul quale servì in quel periodo è ancora ignoto. Scritto “per non dimenticare”.
  6. LinceLC

    Nave Artigliere

    Di niente!
  7. LinceLC

    Nave Artigliere

    Mi correggo. Se intende la nave Artigliere (F 582) è stata messa fuori servizio nel 2013 https://it.wikipedia.org/wiki/Artigliere_%28F_582%29
  8. LinceLC

    Frasi E Motti Scritti Su Sommergibili

    Motto del sommergibile Ascianghi Frase: VISITATE BOUGIE GRAN HOTEL (????) ( ??? ) MODERNI Dettaglio del motto del sommergibile Ascianghi. Ho trovato l’immagine qui su Betasom ma siccome purtroppo non è più disponibile sono riuscito a recuperarla solo con una risoluzione bassissima.
  9. Avevo letto da qualche parte che questo tipi di motovedetta se dovesse capovolgersi ritorna in meno di 4 secondi in asse. E' vero?
  10. Immagini spettacolari! Non avevo mai visto una cosa simile!
  11. LinceLC

    Frasi E Motti Scritti Su Sommergibili

    Secondo Ufficiale di guardia Amelung Von Varendorff Primo Ufficiale di guardia Engelbert Endrass
  12. LinceLC

    Frasi E Motti Scritti Su Sommergibili

    Disegni dell’U-boat 47 “Il toro di Scapa Flow” Teschio di Chamberlain Il toro di Scapa Flow L’otto Ottobre 1939, prima di partire per la baia di Scapa Flow, sull’u-boat 47 venne disegnato il teschio dell’allora Primo Ministro Britannico Neville Chamberlain. Questo simbolo accompagnò l’U-47 per tutta la durata della missione di Scapa Flow. Tra il 13 e il 14 ottobre l’U-47, comandato dal Kapitänleutnant Gunther Prien, riuscì a penetrare la baia tra due “block ship” (navi affondate intenzionalmente per bloccare l’accesso alla baia) nonostante la zona fosse soggetta a forti correnti. Successivamente, disincagliandosi da un cavo sporgente da una delle due “block ship”, l’U-47 venne illuminato da un Taxi ma non partì nessun allarme. A Scapa Flow, il Secondo Ufficiale di guardia Amelung Von Varendorff, disse al comandante Prien: “Herr Kaleu, c’è qualcosa di sbagliato in questa arena per tori; dove sono i cavalli da guerra?”. All’1:16, dopo vari tentativi, i siluri impattarono contro la corazzata HMS Royal Oak affondandola. In mattinata, l’equipaggio del sommergibile, captò la trasmissione radio della BBC nella quale si diceva che la corazzata Royal Oak era stata affondata. Il Primo Ufficiale di guardia “Oberleutnant zur See” Engelbert Endrass, influenzato dalle parole di Von Varendorff, corse sul ponte a cancellare il teschio di Chamberlain per disegnarci un toro sbuffante, il toro di Scapa Flow “Der Stier von Scapa Flow”. Günther PrienIl 7 marzo del 1941, dopo essere stato attaccato con bombe di profondità dal cacciatorpediniere britannico Wolverine, in acque Islandesi l’U-boat 47 venne affondato. Sebbene fosse rimasto in mare per meno di due anni, Gunther Prien realizzò il record di affondamenti tra i comandanti di U-Boot durante la seconda guerra mondiale: in 238 giorni trascorsi in mare, affondò 30 navi nemiche per un tonnellaggio complessivo di 193.808 t. Il “toro di Scapa Flow” divenne poi il simbolo della 7a flottiglia U-boat, con una piccola modifica del disegno sul ventre del toro, per ricordare l'eroica impresa di Prien. Simbolo della 7a Flottiglia U-boat Il teschio di Chamberlain L'U-47 ritorna da Scapa Flow il 17 Ottobre 1939 L'U-47, il 6 Luglio 1940, supera le 66.000 tonnellate affondate
  13. LinceLC

    Sommergibili Da Riconoscere

    Red ti darò volentieri del tu! Spark davvero complimenti!! :smiley19:
  14. LinceLC

    Sommergibili Da Riconoscere

    Red se le può interessare, sempre su ebay, c'è un'altra foto del "secondo" sommergibile (oserei dire sempre nello stesso posto ma con diversa angolazione). http://www.ebay.de/itm/ORIGINAL-FOTO-WK2-WW2-KRIEGSMARINE-U-BOOT-TURM-132/381537869033?_trksid=p2047675.c100005.m1851&_trkparms=aid%3D222007%26algo%3DSIC.MBE%26ao%3D1%26asc%3D35313%26meid%3Dd1cb446b7e5042f3baf9ea6213c429fd%26pid%3D100005%26rk%3D1%26rkt%3D6%26sd%3D111895669113 La mimetica mi sembra la stessa, soprattutto la "V" davanti. Danke danilo43!
  15. LinceLC

    Frasi E Motti Scritti Su Sommergibili

    Molto simpatica! Ne approfitto per caricare un'altra immagine. Qualcuno sà che sommergibile era? "L'immagine è un fotogramma estratto dal film "Uomini sul fondo" del regista Francesco De Robertis. Il film, un semidocumentario di propaganda prodotto dal Centro Cinematografico della Marina, fu girato nel 1941 su un nostro sommergibile con veri marinai della Marina Italiana e racconta del salvataggio di un battello affondato a seguito di una collisione. Questa dedica riprende totalmente il motto del Distintivo Onorifico 1938." Qui sotto il Distintivo onorifico per i Sommergibili della Regia Marina che parteciparono alla grande Rivista Navale del 1938 a Napoli.
×