Jump to content
  • Utenti

    • Totiano

      Totiano 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alagi

      Alagi 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Odisseo

      Odisseo 0

      Secondo Capo
      Joined:
      Last active:
    • brin

      brin 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Marco U-78 Scirè

      Marco U-78 Scirè 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Iscandar

      Iscandar 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • malaparte

      malaparte 0

      Moderatore Area Tematica - S*
      Joined:
      Last active:
    • de domenico

      de domenico 0

      Tenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • lazer_one

      lazer_one 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • malaspina

      malaspina 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Alfabravo 59

      Alfabravo 59 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • danilo43

      danilo43 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • serservel

      serservel 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Von Faust

      Von Faust 0

      Moderatore Area Tematica - MS*
      Joined:
      Last active:
    • GM Andrea

      GM Andrea 0

      Membro Consiglio Direttivo - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Lefa

      Lefa 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Red

      Red 0

      Capo di 1a Classe - MS*
      Joined:
      Last active:
    • old_fly37

      old_fly37 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • marat

      marat 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • R.Hunter

      R.Hunter 0

      Membro Onorario
      Joined:
      Last active:
    • Charlie Bravo

      Charlie Bravo 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • sertore

      sertore 0

      Tenente di Vascello - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Massimiliano Naressi

      Massimiliano Naressi 0

      Sottocapo - S *
      Joined:
      Last active:
    • canarb

      canarb 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • Keltos

      Keltos 0

      Sottotenente di Vascello
      Joined:
      Last active:
    • pugio

      pugio 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Djmitri

      Djmitri 0

      Moderatore di Sezione
      Joined:
      Last active:
    • Drakken

      Drakken 0

      Moderatore di Sezione - MS*
      Joined:
      Last active:
    • Bubbe

      Bubbe 0

      Capo di 1a classe
      Joined:
      Last active:
    • Navy60

      Navy60 0

      Capo di 1a Classe - S*
      Joined:
      Last active:
    • Regia Marina

      Regia Marina 0

      Sottocapo - MS *
      Joined:
      Last active:

av02254

Comune di 2a classe - S *
  • Content Count

    55
  • Joined

  • Last visited

Everything posted by av02254

  1. sì. e mi hai aiutato non poco. grazie
  2. Buongiorno Comandanti, le mie poche conoscenze di mare e marineria mi spingono a chiedere l’aiuto delle vostre conoscenze, confidando sulla vostra disponibilità e buona predisposizione a perder tempo con un terrazzano. Sto provando a scrivere un racconto ambientato in mare e più precisamente nell’Oceano Atlantico. La storia si svolge nel 1874, e vede tra i protagonisti: - un Cutter di 70 piedi circa (escluso il bompresso), di circa 90 ton di stazza, con scafo affilato e un albero maestro, armato con vele auriche (randa, controranda, trinchetta, fiocco e controfiocco) del tipo del cutter CSS Shenandoah, utilizzato dai Confederati durante la guerra civile americana per forzare il blocco navale dell’Unione (non ci sono fotografie in internet; c’è soltanto un modellino scala 1:50) - un Brigantino a palodi circa 150 piedi (sempre escluso il bompresso), di circa 190 ton di stazza, 20 uomini di equipaggio, due o tre alberi, del tipo come nella foto: https://it.wikipedia.org/wiki/Goletta#/media/File:Schooner_Linden.jpg Ho ipotizzato vento costante da nord-est (come soffia nel periodo invernale fino a maggio) Il cutter (per motivi di racconto) salpa da Saint Vincent e Grenadines; segue una rotta est e superata Barbados vira per nord, risalendo il vento di bolina per giorni. Soltanto giorni dopo prenderà una rotta per ovest due quarte nord per attraccare a Bermuda. (sempre vento da nord-est) Il brigantino lo segue sulla stessa rotta più o meno, ma comunque sempre risalendo il vento. Ho ipotizzato che con andature di bolina e bolina stretta, il cutter – con tutte le vele al vento – possa raggiungere una velocità di 12-13 nodi conservandola anche per ore. Andando di lasco-gran lasco, invece, una velocità di 9,5 nodi con velatura normale (randa e trinchetto) Per il brigantino (armato con vele auriche) ho ipotizzato una velocità di 16 nodi (di bolina e al traverso). Regolandomi sulla scala Beaufort ho pure ipotizzato un vento variabile fra brezza, brezza tesa e vento moderato. Ho ora il dubbio di aver esagerato. Brani letti in internet – qua là – dicono che nell’Atlantico si può tenere una velocità del genere, ma… Per la verità mi sono rifatto a informazioni lette a proposito dei clipper della rotta del the, che raggiungevano velocità di 18 nodi tenendole per parecchi giorni, e anche a certune battute del film Master and Commander: in una scena, inseguendo nave francese, ha una velocità di 12,5 nodi (vento di poppa), poi però perdono un pennone della maestra. Insomma – mascherandomi dietro la bandiera della letteratura – mi sarebbe davvero utile qualche informazione al riguardo, perché è bella la fantasia sempre a patto che non si scrivano castronerie. Spero che le informazioni fornite siano sufficienti per inquadrare il quesito, e ringrazio tutti gli uomini di buona volontà per avermi letto fino a qui, conscio di averla fatta un po’ lunga cercando di spiegare al meglio. Semmai deciderò di pubblicarlo, prometto che nella prefazione citerò i comandanti che mi aiutano come “fonti autorevoli”, già ho avuto aiuti da Moreno (Malaspina) Erberto
  3. Buona domenica Comandanti devo fare un aggiornamento. Totiano ha assicurato che porrà il quesito in “alto loco”, e grazie per la disponibilità che apprezzo molto, ma dovendo continuare il racconto, su segnalazione di Danilo, ho scritto a (Marcello) Marpola con messaggio privato. Purtroppo gli scambi sono proseguiti con la medesima modalità privata, e riferire ora le sue osservazioni in ordine ai miei quesiti… è cosa non semplice. Totiano auspicava uno scambio che coinvolgesse altri soci interessati all’argomento, quindi, riporto qualche frammento dello scambio avuto, cercando di riepilogare: secondo Marcello ho un tantino esagerato (per il vero, ho postato la discussione proprio perché avevo questo forte dubbio, instillato da un scambio epistolare con Moreno-Malaspina). Grazie ai suoi - suggerimenti, tenendo conto di condizioni del vento “reale”, del dislocamento dei due legni e della loro armo, e - rimandi a siti di internet che descrivono i brigantini a palo, e - precisazioni sulle andature che maggiormente sfruttano il vento (in considerazione dei fattori di cui sopra) con le mie limitate conoscenze dell’argomento ho concluso che – per i due scafi in questione – siano più ragionevoli le seguenti velocità, senza andar troppo per il sottile: andature (dalla più veloce a quella meno veloce) per il cutter: traverso: max 11 nodi lasco: max 10,5 nodi bolina (stretta a circa 33° e 45°): 9,5 – 10 nodi bolina stretta con vento teso, mare mosso e pioggia: max 7 nodi con velatura ridotta (randa terzarolata, tormentina e fiocco) per il brigantino: traverso: max 15 nodi lasco: max 14 nodi bolina (stretta a circa 33° e 45°): 13,5 - 14 bolina stretta con vento teso, mare mosso e pioggia: max 10 nodi (anche per il brigantino velatura ridotta), Marcello, che ringrazio ancora per l’aiuto, ha ritenuto accettabile la nuova impostazione. Ahimè questo comporta l’onere di rivedere le parti già scritte del racconto che, come a lui ho già detto, non può tenere conto di molti altri fattori che devono essere considerati andando per mare; mi riferisco a deriva e scarroccio, che sono interessantissimi ma che “annoierebbero” i miei scarsi lettori non esperti degli argomenti. In definitiva si scrive per divertirsi e divertire ma senza “stufare”. Non mi voglio giocare quei pochi che mi regalano il loro tempo. Resta inteso che – parlando di mare, marineria e argomenti correlati – essendo io un terrazzano ogni altro suggerimento è fortemente auspicato. Voi marinai avete un lessico che è fortemente suggestivo, ma non sempre facile da trasferire in scrittura, e io – qualche anno fa – ero militare di leva nel “battaglione trasmissioni folgore” a treviso, ben lontano dal mare - non sono stato mai marinaio. Le mie uniche relazioni col mare, escluse le vacanze, sono rappresentate da mio padre marinaio di carriera per sedici anni e poi congedatosi alla fine della guerra, e una passione da ragazzo per la barca a vela (una deriva di 3,70 mt). Quotidianamente io “parcheggio” l’auto… Scrivendo di mare devo ricordarmi di “ormeggiare” la nave, e la cosa non è per me così immediata e spontanea come lo è per voi. E vi risparmio le facili battute sul “cazzare” le vele… o altre con le quali ho dovuto riprendere confidenza, come “cime/cavi” invece di corde o “alare/issare/ammainare” invece di sollevare o tirare su o abbassare. Mi sono qualche volta confuso (poi correggendomi) fra drizza e scotta, e altri lemmi tipicamente vostri. Ma, come si dice? Una sfida è una sfida! Ci proviamo e ce la mettiamo tutta. Come dice Marcello: buon vento! Grazie Erberto
  4. per Totiano e Danilo43 innanzitutto grazie per le risposte. seguendo i consigli di Danilo ho mandato - minuti fa - un messaggio privato a Marpola, pregandolo di una risposta se non lo disturbo. ora attendo fiducioso. erberto
  5. buonasera totiano,

     

    ho bisogno di un po' di aiuto. nessuna richiesta di denaro, lo giuro! soltanto un po' di tempo.

    sto provando a scrivere un racconto di mare/marineria ambientato in oceano atlantico e che ha per protagonisti un cutter e un brigantino a palo.

    vorrei chiedere ai soci del sito se possono darmi alcuni ragguagli e precisazioni sulle velocità che possono raggiungere le due navi a vela navigando di bolina.

    posso creare una attività e inserire il post con la mia richiesta? non mi offendo se non ritieni di consentire.

    confido che - anche se parliamo di navi a vela - qualcuno di buona volontà possa aiutare questo povero terrazzano senza troppo ridere della mia ignoranza.

    ti allego il testo, ringraziandoti per il tempo che ti faccio perdere.

    grazie

    erberto

    richiesta betasom.docx

    1. Show previous comments  1 more
    2. av02254

      av02254

      Grazie Marco. ricambio l'abbraccio.

      l'ho postato in nautica col titolo "Aiuto e consigli di navigazione a vela nell'Atlantico"

      sono graditissimi i tuoi consigli oltreché quelli degli altri soci; magari un tuo intervento per iniziare...

      se non abuso troppo.

       

      erberto

    3. av02254

      av02254

      Finora nessuna risposta...

       

    4. Totiano

      Totiano

      non è detto che arrivi, speriamo...

  6. buongiorno totiano, grazie per l'aggiornamento. erberto
  7. buongiorno totiano, segnalo che ancora - tramite il link - non posso accedere alla discussione. chiedo di essere cortesemente aggiornato. devo versare qualcosa per il rifacimento dei calendari o per altre decisioni che avete preso ma che non riesco a vedere? grazie erberto
  8. mi pare una cosa strana... ho partecipato a quella discussione e ho scritto un post. ora non riesco più a entrare... in realtà volevo leggere come sta andando il rifacimento/correzione dell'errore sui calendari, e quando dovrò versare la mia quota-spese grazie
  9. buongiorno, qualcosa è cambiato nel sito. voglio segnalare che, cercando di accedere tramite il link, ottengo in risposta quanto appresso: Spiacente, c'è un problema Non hai il permesso di visualizzare questo contenuto. Codice Errore: 2F173/H
  10. buongiorno Totiano, il realtà quello che ho scritto qui in corsivo è il copia-incolla del post scritto dall'altra parte. evidentemente dopo averlo scritto mi sono dimenticato di dare "invia". ora faccio il copia-incolla all'incontrario.
  11. grazie totiano. nella discussione da te indicata ho scritto la mia, che riporto anche qui: buongiorno signori, sono d'accordo con tutte le vostre opinioni. l'accostamento al Gronchi rosa e alle 500 lire d'argento è molto arguto, non mi era venuto in mente. per le rappresentanze, comunicherete voi la quota integrativa. ripeto quanto ho già detto nel sito della campagna associativa: nel mio calendario non c'era il bollino oro 2019. lo segnalo anche se non credo che serva un altro invio. buon 2019... (o 2018?) erberto
  12. ehm... buonasera a tutti, con un po' di esitazione segnalo una cosetta della quale mi sono accorto soltanto ora, e spero che sia soltanto il mio caso: il mio calendario 2019 - dopo la prima pagina corretta - ha tutte le pagine datate 2018: gennaio 2018, febbraio 2018, eccetera. direi però che i giorni corrispondono a quelli del 2019, infatti l'anno comincia di martedì. è una circostanza alquanto buffa... betasom ha avuto l'idea di togliermi un anno ai già tanti che ho? se è così ringrazio tantissimo e auguro a tutti un buon anno nuovo. erberto
  13. av02254

    Auguri Di Buone Feste

    Buongiorno signori auguro serene festività a tutti. erberto
  14. oggi mi è arrivato il calendario. è stata una bella idea l'accostamento con i film, mi piace. segnalo di non aver ricevuto il bollino dorato. ho controllato più volte fra le pagine del calendario e nella busta. grazie erberto
  15. av02254

    Proposte Per Prossimo Raduno A Ravenna

    mi pare molto bello e ricco, ma non credo che sia possibile per me. la mia dolce metà ed io ancora non siamo fuori dal tunnel, e non sono possibili programmi a lungo termine. seguirò gli aggiornamenti... erberto
  16. av02254

    Campagna Associativa 2018: Ti Aspettiamo!

    buonasera Totiano il calendario e il bollino sono arrivati oggi. è molto bello, e buona è stata l'idea di commemorare il centenario della fine della grande guerra. mi piace. grazie erberto
  17. av02254

    Campagna Associativa 2018: Ti Aspettiamo!

    buongiorno e buon 2018 a tutta la base. auguro a ciascuno di noi che un desiderio si avveri. segnalo che a tutt'oggi il calendario non è arrivato. poste italiane disordinate o semplice ritardo nell'invio? grazie. erberto
  18. av02254

    100 Anni Fa Caporetto

    l'ho letto, e oltre a cose interessanti ho rilevato un revisionismo storico che si mette controcorrente a volte non proprio correttamente. una sconfitta che salvò l'Italia forse è eccessivo. se il giudizio storico odierno ha possibilità di considerare scenari più ampi, bisogna comunque tener sempre presente come, all'epoca, la rotta appariva ai contemporanei e alla loro visione spesso limitata agli episodi: una disfatta. quella percezione vissuta "in diretta" e così tramandata è forse la più attendibile.ciò che oggi non pare così grave, forse all'epoca era molto diversamente percepito e tale da richiedere provvedimenti rapidissimi ed energici. sono un po' cauto di fronte a certe "riletture" fatti dagli storici o sedicenti tali; talvolta mi pare che nella calma dei loro giudizi su fatti accaduti cento anni prima trascurino qualcosa: la psicosi del momento, la reazione di sorpresa davanti a una notizia shock e il conseguente stato emotivo nel valutare le situazioni. con orrore penso che un certo revisionismo "di larghe vedute" potrebbe oggi farci passare che hitler, creando i campi di concentramento per i rom e gli ebrei, risolse il problema dei furti negli appartamenti e dell'usura. il giudizio su Gengis Khan e la sua politica di creazione di un regno sconfinato, oggi è visto come un progetto politico i cui effetti sono stati poi percepiti col tempo quando le sue truppe si integrarono con le popolazioni conquistate, dando nuova linfa eccetera... tutto bellissimo, ma vaglielo a raccontare al villaggio che la mattina all'alba si sveglia e vede cavalcare verso di sé una banda di scalmanati a cavallo con le spade sguainate... credo che il loro terrore, tramandato nel tempo sia la vera storia, mentre l'integrazione e i vantaggi della nuova linfa...
  19. av02254

    100 Anni Fa Caporetto

    ho provato a vedere sul sito frontedelpiave notizie della brigata Friuli, ma non dice nulla in proposito se non che era dislocata in zona e costretta a ripiegare per le gravi perdite subite; nessun riferimento ai gas. per quanto riguarda le accuse di viltà ai nostri reparti, fu lo stesso generale Cadorna a far pubblicare sui giornali la notizia. il governo, informato immediatamente, fece bloccare la stampa anche se non riuscì a impedire la distribuzione delle copie del mattino. Il bollettino del 28 ottobre ’17 recita: "La mancata resistenza di reparti della II Armata, vilmente ritiratisi senza combattere, ignominiosamente arresisi al nemico o dandosi codardamente alla fuga, ha permesso alle forze austrogermaniche di rompere la nostra ala sinistra del fronte Giulia" c'è una specie di mistero dietro al comunicato (che pare esser stato pubblicato tronco delle parole di elogio per gli altri reparti); secondo il nipote di Cadorna i veri autori furono i ministri Bissolati e Giardino che chiesero a Cadorna di firmarlo, firma che rese più semplice la sua sostituzione con Diaz. altra cosa ancor più strana: furono destituiti Cadorna e Capello, il comandante della seconda armata, ma il vero responsabile, Badoglio, fu invece promosso e da Caporetto iniziò la sua brillante carriera che lo condusse fino all'infame proclama dell'8 settembre '43. su raistoria, ieri sera è stato trasmesso un documentario sulla disfatta di Caporetto che raccoglieva le testimonianze di chi vi combatté, tra gli altri il tenente Gadda e il tenente Rommel (citato anche Hemingway e Addio alle Armi, ma che non c'entrano nulla con Caporetto). secondo il diario di Rommel gli italiani erano contenti di esser fatti prigionieri dai tedeschi poiché molti di loro lavoravano in germania prima della guerra e i loro sentimenti erano tali da gridare "viva la germania". credo che ci siano molte verità e molte voci che non sentiremo mai... microstorie che alla fine si mischiano ai "si crede", "si pensa", "pare che".
  20. av02254

    100 Anni Fa Caporetto

    buongiorno signori, Caporetto è stata definita dagli storici una tragedia tutta italiana, e in effetti altri momenti come quello sono nella nostra storia. ho da rivolgere una domanda: ho letto, non ricordo più dove, che due brigate (o battaglioni) erano acquartierate allo sbocco della Val di Plezzo col compito di intervenire in caso di attacco tedesco (per alza verità, anche se non ci avevano creduto, i piani dell'attacco erano noti al comando italiano da tempo). quelle due brigate non intervennero mai, il che diede modo a Cadorna di scaricare le sue responsabilità accusando i fanti italiani di viltà. le brigate furono accusate di codardia davanti al nemico, disonorate e fu loro ritirata la bandiera di combattimento. soltanto una commissione di guerra nel 1938 (mi pare) appurò che tutti gli uomini erano morti al loro posto a seguito di un attacco con i gas che precedette la avanzata tedesca (tra i quali era anche il tenente Rommel). ho letto l'episodio, ma non ricordo più dove né il nome delle due brigate. qualcuno può aiutarmi? grazie. erberto se qualcuno fosse interessato, su www. liberospazio.com ho scritto qualcosa sull'argomento
  21. av02254

    Smg Betasom Im Difesa On Line

    è un poco triste sapere che non c'è più, ma sopratutto sapere che pochissimi "conoscono" sia di betasom sia di una base italiana in atlantico. per quel poco che io so, ricordo di aver letto (forse sull'enciclopedia della seconda guerra mondiale di arrigo petacco???) del battello Cappellini e del comandante Todaro, il cui cavalleresco comportamento con i naufraghi del Kabalo e del Shakespeare è altrettanto sconosciuto ai più, al pari di altri cavallereschi comportamenti durante una guerra disumana. grazie delle informazioni, forse un giorno riuscirò ad andare a vedere ciò che resta...o forse resterà un desiderio come tanti altri. adesso vado a vedere l'url che mi hai indicato. buona continuazione a tutti voi. erberto
  22. av02254

    Campagna Associativa 2018: Ti Aspettiamo!

    buongiorno Totiano, ho inviato oggi il modulo per il rinnovo all'adesione 2018. resto in attesa del nullaosta per effettuare col bonifico. grazie e buona giornata erberto
  23. av02254

    Smg Betasom Im Difesa On Line

    ho letto con interesse. essendo un infiltrato fra voi (sono soltanto un figlio di marinaio) so molto poco; capite quindi che ogni notizia, anche minima o parziale, è per me "fonte di sapere". nel diario di mio padre, a proposito della base Betasom, è citato che - nel giugno '44, rientrando dalla Spagna dov'era internato con altri compagni dal 9 sett. '43 - hanno dormito in un villaggio di tende chiamato "Delfino" (che erroneamente ricorda come "Delfinia"). cito testualmente dal suo diario: " Dopo San Sebastian, andiamo a Bordeaux al villaggio Delfinia, dove restiamo fermi una settimana in un’altra attesa più snervante ancora. Segatori, solo lui con le sue pazzie, riesce a farci un poco sorridere. Nel villaggio Delfinia, conosciamo la prima grossa delusione. Notiamo morale depresso e abulia in tutto il personale; disordine e abbandono ovunque! Da quel villaggio, costruito per gli equipaggi italiani, sono partiti i nostri compagni d’armi che per la maggioranza riposano tutti sotto il mare. Gli equipaggi di circa 47 battelli sommergibili si sono avvicendati in quel villaggio… Taluni ci sono, i più non torneranno. " in effetti ho trovato in internet un appunto tratto da un libro, che fa riferimento al villaggio di tende "Delfino" in mezzo agli alberi. il libro è "I sommergibili italiani dal settembre 1943 al 1945" di G. Mannari. erberto
  24. av02254

    Un Pensiero Per Sertore

    caro comandante, non ho il piacere di conoscerla, cionondimeno desidero inviarle le più sentite condoglianze per la perdita. erberto
  25. buonasera Totiano, ieri è arrivato il calendario e all'interno il bollino in oro. grazie. oggi è il 24 dicembre: sono giusto in tempo per augurare buone feste a te, ai comandanti e a tutta la base. buon natale e buon 2017 erberto
×